Piano terra

L’appartamento detto “stanze del cardinale”, situato nell’ala sinistra al piano terra del palazzo, è formato da sette ambienti riferibili alla fase Savelli (1594-96 ca.) e quattro alla seconda fase Chigi (1740).

Costituiva l’appartamento privato del cardinale Flavio I, che fece decorare le volte da Pietro Mulier detto “il Tempesta” e Jean de Momper con sfondati illusionistici recanti uccelli e segni zodiacali primaverili ed estivi, relativi al periodo dell’anno interessato dalle villeggiature dei Chigi. Probabilmente fu Bernini a suggerire questo tipo di decorazione, priva di ornamentazioni architettoniche e geometriche.

L’appartamento divenne poi residenza degli altri cardinali Chigi, Flavio II e Flavio III, mentre nel Novecento fu riservato ad alloggio del Gran Maestro del Sovrano Militare Ordine di Malta, don Ludovico Chigi. Dopo acquisizione pubblica del palazzo nel 1988 è rimasto in usufrutto fino al 1999 all’ultimo proprietario, Agostino Chigi, ed è stato aperto al pubblico nel 2003 con il riallestimento, che ha riproposto le destinazioni originarie delle sale.